Nella sezione eterotrofa le microalghe sono coltivate in due fermentatori (da 3 m3 ciascuno). La sospensione algale prodotta è poi centrifugata e infine essiccata.

L’impianto pilota è operato da BIOP presso il sito NextChem a Roma.